11 Dicembre 2020

ANSA / Covid: Rsa Cervesina covid free, cambiamo sempre dpi


ANSA – 11/12/2020 12:53
Covid: Rsa Cervesina, qui free, cambiamo sempre dpi

Neodirettrice Schiavi, protocolli sicurezza rigidi e amore (ANSA) – PAVIA, 11
DIC – Indossare e cambiare più volte al giorno mascherine, camici, cuffie
guanti e calzari; sanificare gli ambienti con i prodotti specifici; garantire la
distanza di sicurezza tra gli ospiti e la sanificazione delle mani durante tutte le
attività; curare con attenzione ancora maggiore l’igiene personale dei pazienti.
E soprattutto tanto amore. È questa la ricetta della neo direttrice Elisabetta
Schiavi della Rsa Beccaria di Cervesina, in provincia di Pavia, struttura oggi
covid free. La Rsa che accoglie anziani non autosufficienti e malati di
Alzheimer, e Schiavi racconta la “ricetta” per proteggere gli ospiti: “La Rsa ad
oggi è covid free. Nessun contagio, infatti, si è manifestato nella struttura
durante la seconda ondata di diffusione virale, grazie all’adozione di stringenti
protocolli di sicurezza – chiarisce subito – ma osservare le regole non è
sufficiente: un forte antidoto è l’amore per la cura degli ospiti, il modo in cui in
questa struttura si promuove l’invecchiamento attivo, la socialità, le relazioni
con la rete familiare, le attività per tutti gli anziani, anche quelli più fragili, i
malati di Alzheimer”. La Residenza Paolo Beccaria, importante realtà
dell’Oltrepò Pavese, è accreditata dalla Regione Lombardia e gestita per conto
del Comune dalla cooperativa Nuova Sair. Ospita fino a 79 anziani non
autosufficienti e dal 2012 ha un Nucleo Alzheimer accreditato. “Vorrei dare un
messaggio di serenità alle famiglie che pensano ad un ricovero per un proprio
familiare in condizioni di non autosufficienza, di grave fragilità e condizioni di
salute molto precarie – continua Schiavi -. Il personale sociosanitario e quello
impiegato nei servizi è obbligato ad adottare stringenti misure di sicurezza.
Tuttavia, l’impegno dei 70 operatori della Rsa non resta confinato agli obblighi
imposti, che non offriranno mai la sicurezza al 100% contro questo virus
particolarmente insidioso. Ciascun operatore, infatti, è consapevole dell’
importanza di mantenere alta la guardia anche nella propria vita privata –
aggiunge – adottando scrupolosamente le misure previste per limitare il rischio
di diffusione virale. Nella Rsa Paolo Beccaria si respira il clima della famiglia,
una grande famiglia dove la prima regola è l’amore, che in questo momento di
emergenza sanitaria può davvero fare la differenza”. (ANSA). TAG 2020-12-11
12:52 NNNN
 


 10 Dicembre 2020

Elisabetta Schiavi è la nuova direttrice della Rsa

Elisabetta Schiavi, 49 anni, laurea con indirizzo sociologico, ha speso larga parte della sua vita professionale alla guida di strutture sociosanitarie in Lombardia e in tutta Italia. Dalla scorsa settimana alla direzione della Residenza .


 04 Dicembre 2020

RSA COVID FREE: LE NOSTRE REGOLE A TUTELA DELLA SALUTE

La Rsa Paolo Beccaria è covid free. Nessun contagio, infatti, si è manifestato nella struttura durante la seconda ondata di diffusione virale grazie all’adozione distringenti protocolli di sicurezza che si applicano alle attività degli operatorie interessano la quotidianità dei pazienti.

Queste le misure obbligatorie, adottate dal personale sociosanitario e dal personaleimpiegato nei servizi:

- Obbligo per tutto il personale di indossare i dispositivi di protezione individuale (mascherine,camici, cuffie, guanti e calzari).

- Sostituzione periodica, anche più volte al giorno, delle mascherine e di tutti gli altri dispositivi di protezione;

- Obbligo di seguire programmi di formazione specifici sull’uso corretto dei dpi, sulle procedure di vestizione e svestizione, su tutte le altre norme per limitare la diffusione virale; 

- Sanificazione costante di tutti gli ambienti con i prodotti individuati dalle normative;

- Obbligo di garantire la distanza di sicurezza tra i pazienti durante le attività laboratoriali e duranteogni altra attività;·

- Scrupolosa cura dell’igienepersonale dei pazienti e maggiore attenzione alla sanificazione delle mani ognivolta che se ne manifesti la necessità, ad esempio: dopo le attività laboratoriali,prima e dopo i pasti etc.

- Rimodulazione delle relazionicon i parenti degli ospiti, garantendo videochiamate anche quotidiane, insostituzione delle visite in presenza.

L’impegno degli operatori Nuova Sair nonresta confinato agli obblighi imposti dalla Direzione della Rsa. Ciascun operatore è consapevole dell’importanza di mantenere alta la guardia anche nella propria vita privata, adottando scrupolosamente tutte le misure previste per limitare il rischio di diffusione virale a tutela della propria e dell’altrui salute.       


 09 Novembre 2020

al lavoro per l 'AUTUNNO


 02 Ottobre 2020

FESTA DEI NONNI


Sideranet.it